Skip to main content

Gatto nero e gatto bianco sono lo yin e lo yang del mondo felino, due colorazioni che sono presenti in moltissime delle razze di gatti più amate. Ecco alcuni tra i più bei gatti bianchi e neri che è possibile ammirare.

Gatto nero, gatto bianco” è il titolo di un famoso e originalissimo film di Emir Kusturica della fine degli anni ‘90, e solitamente ai gattofili cinefili alla vista di due gatti di tali colorazioni viene subito in mente la splendida pellicola, che ha tra i suoi protagonisti anche - appunto - un gatto nero e un gatto bianco. Ma se i due felini di Kusturica sono con tutta probabilità due randagi risultati di anni di incroci tra illustri felini sconosciuti, queste due colorazioni - il nero e il bianco - sono anche tipiche di numerose pregiatissime razze. Eccone alcune.

Razze di gatti neri

Innanzitutto, è d'obbligo dire che il meraviglioso gatto Comune Europeo a pelo corto è frequentissimo nella colorazione nera: questi splendidi felini dagli occhi solitamente gialli o verdi, con il loro bel pelo lucido, possono essere incontrati ovunque e difficilmente ignorati, per quanto sono belli e affascinanti. Molto spesso il bel manto nero presenta macchie bianche.
Il nerissimo Bombay, con i suoi occhi grandi e tondi color giallo-dorato, la sua andatura elegante, la costituzione robusta, il manto dalla lucentezza unica, è una panterina in miniatura. Dal carattere dolcissimo e coccolone, ma al tempo stesso estroverso, curioso e socievole, il Bombay è un gatto che si presta alla vita in famiglia.
Il British nella colorazione nera è bellissimo e molto mite: caratterizzato dalla testa tonda e dagli occhioni anch'essi tondi e dalla colorazione oro, rame o arancio, il pelo è corto, la coda è grossa così come le zampe. Il corpo è forte e robusto. Il nero del manto assume a volte una sfumatura marrone.
Esistono anche Persiani neri, anche se rari e quindi assai preziosi. È credenza comune ritenere il Persiano nero più affettuoso e vivace dei parenti di altre colorazioni.

Razze di gatti bianchi

In tutte le razze può essere presente il fenomeno dell'albinismo: i gatti albini presentano manto bianco immacolato, occhi azzurri, pelle, naso, orecchie e cuscinetti rosa. Si tratta di una mutazione genetica che può interessare qualsiasi razza, ma non tutti i gatti bianchi sono albini.
Esiste per esempio lo Selkirk Rex, originario degli Stati Uniti, razza con il caratteristico pelo arricciato che può presentare un mantello anche completamente bianco.
Vi è poi l'Exotic Shorthair nella varietà bianca: dal carattere mite e adatto alla famiglia, il manto candido è accompagnato da bellissimi occhi azzurri.
Il Gatto d’Angora è tra le razze più antiche del mondo ed ha origine ad Ankara, in Turchia. Il manto è bianco, lungo e liscio. Gli occhi sono solitamente azzurri ma non è insolito trovare esemplari con un un occhio azzurro e l'altro ambra.
Il gatto Comune Europeo presenta una grande varietà di colori del mantello: la varietà dal manto bianco ha spesso gli occhi verdi, ma non è insolito vedere esemplari con gli occhi azzurri, ambra o eterocromatici. A volte il pelo bianco può presentare anche macchie nere o grigie.
Anche il bellissimo Siberiano, con il suo pelo lungo, esiste in una varietà con il pelo folto e bianco, anche se la varietà tigrata è la più comune.

TOP
Purina TI RISPONDE