Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Your Pet, Our Passion.
Gatto che gioca con il giocattolo del topo

Esistono numerosi miti e dicerie sui gatti che sono comunemente diffusi, ma quanto sono veri?

4 min di lettura

I gatti sono creature enigmatiche che molte persone faticano a capire. Nel corso degli anni, questa caratteristica ha fatto sì che i nostri amici felini venissero coinvolti in una varietà di miti, alcuni dei quali sono arrivati perfino ad affermare che fossero collegati al diavolo!

Finora la maggior parte dei miti sui gatti è stata sfatata grazie alla scienza e al buon senso. Per scoprire la verità sulla storia del burro sulle zampe dei gatti o sulla maledizione dei gatti neri e altro ancora, continua a leggere.

1. La verità dietro al mito del gatto nero

Il mito del gatto nero è forse una delle storie più diffuse nel mondo ed è probabile che tu abbia sentito qualcuno raccontarla. In Europa e gran parte dell'America, se un gatto nero attraversa la strada, la gente lo interpreta come un segno di sfortuna.

In Germania, la malasorte in questo caso ha una direzione specifica, perciò se un gatto nero attraversa da destra a sinistra è indice di malaugurio, ma nel senso contrario porta fortuna. In Giappone invece viene considerato di buon auspicio, specialmente per le donne single, perché la presenza di un gatto nero promette l’arrivo di corteggiatori interessanti.

La verità: Il mito del gatto nero è, ovviamente, falso e probabilmente legato alla credenza di epoca medievale secondo cui questi felini erano gli animali domestici delle streghe. Purtroppo, questo mito è ancora piuttosto diffuso oggi e i gatti neri arrivano spesso nei centri di soccorso o hanno difficoltà a trovare nuove case.

2. Salvo per un pelo

Le vibrisse del gatto sembrano quasi conferirgli dei superpoteri, quindi è naturale che le persone siano arrivate a pensare che portassero fortuna. In effetti, esiste un’usanza popolare secondo cui se metti una vibrissa di un gatto in un sacchetto bianco e lo conservi nella tua auto aiuterà a prevenire incidenti, furti e guasti. Alcuni sostengono addirittura che possa aiutarti a evitare multe per eccesso di velocità e parcheggi a pagamento!

La verità: Anche sarebbe bello crederci, il mito delle vibrisse di gatto è del tutto falso e probabilmente è nato perché i gatti le perdono raramente.

3. I gatti erano responsabili della peste

Sì, hai letto bene. Nel Medioevo si pensava che i gatti fossero responsabili della diffusione della peste, perché questi animali venivano ricollegati a streghe, stregoni e in definitiva, al diavolo, che in quest’epoca era ritenuto responsabile di tutto l'orrore causato dalla morte nera. Pertanto, iniziarono a perseguitare ed eliminare ‘ i suoi leali servitori’: i gatti.

La verità: In realtà la peste era veicolata da un tipo di pulce che viveva sui topi. Per ironia della sorte, l’eliminazione dei gatti ha fatto sì che la popolazione di ratti prosperasse e la peste nera si diffondesse più velocemente che mai.

4. I gatti hanno nove vite

Le origini di questo mito felino ampiamente diffuso non sono chiare, ma è menzionato nel Romeo e Giulietta di Shakespeare ed esiste persino un vecchio proverbio inglese a riguardo. Il detto recita così: “Un gatto ha nove vite. Per tre gioca, per tre vagabonda e per gli ultimi tre resta”.

 

primo piano del gatto grigio

La verità: Questo mito del gatto è nato probabilmente perché i gatti sembrano sempre atterrare in piedi e spesso escono praticamente indenni da cadute e incidenti gravi. Ma perché nove? Forse perché nove è un numero magico e si pensava che i gatti fossero creature con poteri straordinari.

5. Voci sul burro sulle zampe del gatto

Se hai un gatto, e hai cambiato casa con il tuo felino, potresti aver sentito questa diceria da un amico o da un familiare. La teoria è che mettendo del burro sulle zampe di un gatto, sparirà l'odore della vecchia casa e il micio si concentrerà invece a leccarsi le zampe e ad ambientarsi nella nuova sistemazione.

La verità: La voce del burro sulle zampe di gatto non è affatto vera e probabilmente avrà l'effetto contrario. Il profumo della casa precedente rimarrà sul loro manto, non solo sulle loro zampe. Tra l’altro è possibile che il gatto si stressi ancora di più mentre cerca di liberarsi del burro dalle zampe.

6. Bisogna lasciare che i gatti si lecchino le proprie ferite

Potresti aver incontrato molti proprietari convinti che i gatti non abbiano bisogno di cure veterinarie per le ferite poiché la loro lingua ha proprietà antisettiche. È un mito diffuso ancora oggi, con molte persone che adottano un approccio superficiale riguardo al trattamento delle ferite del loro gatto. Ma quanto è vero?
 

mano umana che tiene la zampa di un gatto

La verità: I gatti solitamente tendono a leccare molto spesso la zona in cui è presente una ferita, con il rischio di rallentare i tempi di guarigione. Per questo motivo, se il tuo gatto ha una ferita contatta il tuo medico veterinario che saprà sicuramente come aiutarti.