Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Your Pet, Our Passion.
gattino birichino con gli occhi azzurri sdraiato su un letto

La storia dei gatti

5 min di lettura

Se hai un gatto nella tua vita, ti starai chiedendo quali sono le sue origini e da dove proviene il tuo micio domestico. In questo articolo scoprirai tutto quello che c'è da sapere sulla storia dei gatti.

I nostri gatti fanno parte della nostra famiglia da sempre. Sono fantastici compagni di coccole e i loro buffi modi di fare ci divertono costantemente, ma quanto sappiamo della storia dei gatti? Per molti di noi, le origini dei nostri felini sono un vero e proprio mistero e si sa molto poco sul perché di certi comportamenti.

Per aiutarti a capire meglio la tigre in miniatura sulle tue ginocchia, abbiamo raccolto questo articolo che ti spiega tutto, dall'origine dei gatti al perché possiedono certi istinti.

Da dove vengono i gatti domestici?

un gatto selvatico nell'erba alta

Si ritiene che tutte le specie di gatti moderni derivino da un unico antenato: il gatto selvatico mediorientale, Felis Sylvestris. I ricercatori hanno basato questa teoria soprattutto sulle loro strutture scheletriche simili.

Tuttavia, sono emerse ulteriori prove sull'origine dei gatti quando uno studio pubblicato nel 2007 ha analizzato il DNA di diversi gatti selvatici provenienti da varie regioni e li ha confrontati con i gatti domestici. È interessante notare che il DNA del gatto selvatico africano è risultato correlato a quello di mogi di razza pura (sì, anche gli eleganti Ragdoll o Siamesi) e mista, il che aggiunge peso alla teoria dell'antenato comune.

Quando sono stati addomesticati i gatti?

Per quanto riguarda la storia dei gatti, è piuttosto difficile stabilire quando sono stati addomesticati per la prima volta. Ciò è dovuto in gran parte al fatto, già menzionato, della notevole somiglianza dei loro scheletri.

Solo nel 1983 abbiamo avuto il primo sentore dell'addomesticamento del gatto, quando una mandibola di gatto è stata ritrovata a Cipro durante uno scavo archeologico e si è stimato che l'addomesticamento fosse avvenuto 8.000 anni fa. I ricercatori hanno pensato che questo gatto dovesse essere stato addomesticato perché l'unico modo in cui un gatto avrebbe potuto arrivare sull'isola era attraverso una nave con gli esseri umani, ed era incredibilmente improbabile che questi ultimi potessero portare con sé gatti completamente selvatici.

Ulteriori ricerche condotte nel 2004 hanno fatto risalire l'origine dell'addomesticamento dei gatti a un periodo ancora più lontano: secondo lo Smithsonian, infatti, è stato ritrovato un gatto sepolto di proposito insieme a un uomo, che si pensa abbia 9.500 anni.

Da allora, nel 2017 è stato condotto un altro studio presso l'Università di Lovanio. Questa ricerca ha analizzato il DNA di 200 gatti trovati in siti archeologici del Vicino Oriente, dell'Africa e dell'Europa. L'età di questi ritrovamenti variava da 100 a 9.000 anni fa, con alcuni suggeriti come vecchi fino a 12.000 anni.

Lo Smithsonian afferma inoltre che alcuni ricercatori ritengono che il processo di addomesticamento iniziale sia iniziato con i primi insediamenti agricoli, circa 12.000 anni fa, nella Mezzaluna Fertile (situata in Medio Oriente). Gli storici hanno proposto che, quando le persone iniziarono a coltivare e a utilizzare i depositi di cereali, attirarono topi e ratti e, con l'abbondanza di prede, arrivarono i gatti selvatici. È probabile che le persone abbiano riconosciuto i grandi benefici del controllo dei parassiti e abbiano permesso a questi gatti di rimanere, il che li ha portati a vivere nelle loro case e a diventare i loro compagni.

Gatti domestici e gatti selvatici

una tigre allo stato brado

Ora che sai tutto sulla storia dei gatti e sulle loro radici selvatiche, è il momento di esplorare come questo abbia influito sulle caratteristiche e sui tratti dei gatti. Forse ti sorprenderà sapere che ancora oggi il DNA del tuo gatto domestico è simile al 95% a quello delle tigri e che ha ereditato molti istinti dai suoi antenati selvatici. Alcuni di questi istinti ereditati sono i seguenti:

Lunghe sessioni di sonno

Sia i gatti domestici che quelli selvatici trascorrono circa 16-20 ore al giorno dormendo, quindi hanno entrambi un sonno pesante!

Carnivori obbligati

Questa è probabilmente una delle caratteristiche meno sorprendenti che accomunano i gatti domestici e quelli selvatici. Sono entrambi carnivori obbligati, cioè hanno bisogno di carne nella loro dieta per ottenere tutti i nutrienti di cui hanno bisogno.

Stesse tecniche di caccia

L'istinto di caccia del tuo piccolo gatto è incredibilmente simile a quello di un grande felino. La tecnica dell'agguato, che consiste nel rimanere in attesa e nel colpire la preda, è la stessa di tutti i grandi felini. Condividono anche schemi di caccia simili, scegliendo di cacciare principalmente al crepuscolo e all'alba.

Sempre in cerca di cibo

Un'interessante caratteristica comune dei gatti è il fatto che sia i gatti selvatici che quelli domestici tendono a passare tra il 30 e il 50% del loro tempo a pulirsi. Si tratta di un'attività essenziale per la caccia, in quanto aiuta a mantenere neutro il loro odore, in modo da non essere individuati dalla preda prescelta.

Fare i biscotti

Si ritiene che il kndineag del gatto, noto anche come "fare i biscotti", sia una caratteristica del gatto ereditata dagli antenati selvatici del felino domestico. Sebbene possa sembrare che il tuo gatto stia impastando, in natura questo è il suo modo di creare un nido e di controllare che non vi siano potenziali predatori o cose pericolose in agguato.

Marcatura del territorio

I comportamenti territoriali e il bisogno di dimostrare agli altri dove si trova il loro territorio sono comuni a tutti i gatti. Il tuo gatto domestico e i gatti selvatici di solito fanno le seguenti cose: spruzzano, si strofinano il muso (a causa delle molteplici ghiandole odorose sulla testa) e si grattano (a causa delle ghiandole odorose situate nelle zampe).

Per approfondire le tue conoscenze sul mondo felino scopri i fantastici contenuti sul nostro hub.