Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Conoscere il cane di piccola taglia

Il cane piccolo ha un carattere diverso da quello di taglia media o grande? È più giocherellone? È più vivace? Quali sono i tratti distintivi: ecco le diverse posizioni che accomunano esperti e studiosi.

Si sente spesso dire che il cane di piccole dimensioni è più vivace, brioso e comunicativo del cane grande. Ma si dice anche che è più adatto a diventare un animale da compagnia in appartamento anziché un cane da guardia. È tutto vero? Oppure è un pregiudizio ed è sbagliato accomunare tante razze diverse usando solo il metro dell’altezza?

Il comportamento del cane dipende dalla razza?

La verità sembrerebbe stare nel mezzo. I tratti caratteriali del cane sono certamente legati alle razze. Ogni razza è il risultato di una selezione e la selezione coinvolge anche il comportamento. Quindi è difficile generalizzare solo in base ad alcuni tratti fisici mentre è più semplice farlo a partire dalla famiglia a cui l’animale appartiene. Questa è per esempio la posizione dello psicologo comportamentista canino Stanley Coren, che ha stilato una classificazione scientifica grazie ai dati dell’esperienza diretta. Questa catalogazione risulta trasversale alla taglia del cane e divide i cani in affabili, protettivi, indipendenti, sicuri di sé, abitudinari, affidabili, intelligenti.
 

Cane piccolo = cane esuberante?

Uno studio australiano interno alla facoltà veterinaria di Sidney ha pubblicato sulla rivista scientifica PlosOne una ricerca che sembrerebbe confermare l'esistenza di un comportamento comune fra i cani piccoli. Alcuni ricercatori hanno studiato 8mila esemplari di diverse razze. I risultati questa volta accomunano i cani non in base alle razze ma alla taglia.
Ben 36 tipi di comportamento si sono rivelati, nel 90 per cento dei casi, legati ad alcune precise caratteristiche: peso, forma del cranio e altezza. In particolare: più il cane è basso e piccolo (entro i 46 cm di altezza), più il suo carattere è esuberante.

Vivacità del cane, senso di protezione e metabolismo accelerato

Perché? Le conclusioni sembrano confermare l’idea che il cane piccolo sia più spiccatamente vivace proprio per differenziarsi da quello grande. Ecco perché è così profondamente affettuoso e tende a vivere in simbiosi col padrone creando un rapporto a due davvero speciale. Per l'essere umano che se ne prende cura il cane di piccola taglia sviluppa un forte senso protettivo ed è capace di comunicare con lui profondamente. Ecco perché è particolarmente adatto alla pet therapy e perfino a diventare cane da guardia.

La vitalità che caratterizza i cani di piccola taglia si esprime in molti modi: hanno infatti un metabolismo accelerato che regala loro un'incontenibile voglia di vivere e un'allegria irresistibile. Ecco perché risultano così simpatici e amabili, ma anche molto affamati, visto il consumo energetico superiore del 60 per cento ai cani grandi.

Copyright 2011 - Nestlé Purina S.p.a. - P. IVA: 00777280157

Purina TI RISPONDE