Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Your Pet, Our Passion.
Burmese

Burmese

Il Burmese è un gatto di taglia media, con una testa arrotondata e un corpo elegante ma muscoloso. I gatti di questa razza non sono così grandi e robusti come i British Shorthair né snelli e delicati come i gatti siamesi. Gli occhi sono grandi e lucenti e possono essere di qualsiasi tonalità di giallo - spesso sembrano cambiare nelle variazioni della qualità della luce. La coda è dritta e termina con una punta arrotondata Il sottile e lucido mantello molto aderente al corpo è una caratteristica distintiva del burmese, ed è disponibile in 10 colori, ma in tutti i colori le parti inferiori saranno più chiare della parte posteriore e l'ombreggiatura sarà graduale.

Cosa ti serve sapere
  • Gatto estremamente attivo e curioso
  • Gatto socievole e dipendente dal contatto umano
  • Gatto molto chiacchierone ed estremamente comunicativo
  • Razza di corporatura media
  • Ha bisogno di essere spazzolato una volta a settimana
  • Non hypoallergenic breed
  • Gatto outdoor
  • Gatto adatto alle famiglie
Il gattino birmano è sdraiato su un cuscino

Personalità

Il gatto birmano è una creatura estremamente amichevole e affettuosa che ha bisogno dell'attenzione degli esseri umani per essere felice. La razza del gatto birmano è molto esigente e i gatti birmani seguiranno i proprietari in casa piangendo per attirare l'attenzione: potrebbero persino arrampicarsi sulla gamba del loro proprietario chiedendo di essere raccolti e coccolati! Come gatti molto vocali saluteranno spesso i proprietari quando torneranno a casa o chiederanno quello che vogliono e si uniranno a tutte le attività. Fedeli ai loro proprietari, a volte sono conosciuti come il "cane gatto" poiché molti sono felici di giocare a recuperare. Sono molto intelligenti e possono risolvere problemi come l'apertura delle porte sono spesso artisti di successo che scappano!

Il gatto birmano è in piedi sul divano

Origine

Paese d'origne: Burma

Un gatto di un caldo color marrone scuro, che assomiglia a un gatto siamese, fu portato per la prima volta dall'estremo oriente in California negli anni '30. Poiché all'epoca non c'erano altri gatti birmani in America, la razza detta "Wong Mau" fu accoppiata con un gatto siamese Seal Point. Attraverso l'allevamento selettivo la nuova razza dal mantello scuro divenne nota come gatto Burmese e così è come la conosciamo oggi. Il gatto burmese fu riconosciuto per la prima volta come razza in America e arrivò in Europa negli anni '40. Da allora i programmi di allevamento hanno sviluppato una ampia gamma di colori del mantello.