Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Your Pet, Our Passion.
Mastino Napoletano

Mastino Napoletano

Un cane di taglia gigante, il Mastino Napoletano è forte e muscoloso. Leggermente più lungo di quanto sia alto, il maschio adulto raggiunge 65-75 cm e pesa 50-70 kg, le femmine sono leggermente più basse – 60-68cm. Il pelo corto e denso è disponibile in diversi colori e sfumature (grigio, piombo, nero, mogano, fulvo e fulvo cervo) e tutti possono essere tigrati, la pelle è abbastanza morbida sul corpo e sulla testa, anche se non dovrebbe essere eccessivamente abbondante.

Cosa ti serve sapere
  • Cane adatto a proprietari esperti
  • è richiesta una formazione avanzata/extra
  • Gli piacciono camminate dinamiche
  • Gli piace camminare un'ora al giorno
  • Cane di dimensioni giganti
  • Un pò di bava
  • Ha bisogno di una pulizia a giorni alterni
  • Razza non ipoallergenica
  • Cane chiacchierone
  • Un cane da guardia che abbaia, mi avvisa e mi protegge fisicamente
  • Potrebbe richiedere un addestramento per vivere con altri animali da compagnia
  • Potrebbe richiedere un addestramento per vivere con i bambini
Mastino napoletano al guinzaglio

Personalità

Essenzialmente una razza da guardia, il Mastino Napoletano è vigile in ogni momento. Di buon carattere, fedele ai suoi cari ma leggermente distaccato. Date le sue naturali attitudini alla protezione, la socializzazione precoce è essenziale. Se allevato con un altro cane vivrà felicemente ma è meglio che siano del sesso opposto. Il costo della gestione di un cane così grande dovrebbe essere preso in seria considerazione prima dell'acquisto.

Mastino napoletano con colar verde

Origine

Il Mastino Napoletano proviene dall'antico tipo di cane Molosso - una grande e feroce razza da guardia allevata dai romani. Si pensa che siano stati usati nelle arene e anche come feroci cani da guerra. Il Mastino Napoletano è stato usato come cane poliziotto e il suo ruolo principale era la guardia. Si dice che quando lavorava nelle tenute di Napoli, istintivamente conosceva i confini che gli erano stati affidati da proteggere e veniva lasciato libero di vagare per il perimetro.