Promuovere il corretto mantenimento della connessione intestino-cervello negli animali

Promuovere il corretto mantenimento della connessione intestino-cervello negli animali

Presentato da DRS FRANCESCA CAZZANIGA - BCs, PhD - HARVARD MEDICAL SCHOOL

I trilioni di batteri che colonizzano l’intestino, comunemente definiti come microbiota intestinale, hanno un ruolo importante sia per la salute che per le malattie. In questa relazione, ci focalizzeremo su come i batteri intestinali e l’alimentazione possono essere coinvolti nelle malattie neurologiche e come i risultati delle ricerche su ratti possono essere elaborati per favorire il corretto mantenimento della connessione intestino-cervello negli animali da compagnia.

Nello specifico la relazione si focalizza su:
• Attuali modelli per lo studio della connessione intestino-cervello
• Alcuni esempi di interazioni tra batteri ed alimentazione in grado di proteggere i ratti da disturbi neurologici
• Quali possibili applicazioni delle esperienze sui ratti per aiutare gli animali da compagnia?
• Come possiamo trasformare un batterio in un buon probiotico?
• Futuri studi per provare la funzione probiotica negli animali da compagnia
Francesca è cresciuta nel Vermont ed ha conseguito il suo diploma in Biologia presso il Dartmouth College nel 2007. Pervenuta alla University of California di San Francisco, ha ottenuto il suo dottorato (PhD) studiando gli effetti dello stress sui telomeri e le telomerasi in età avanzata presso il laboratorio del premio Nobel, Elisabeth Blackburn.

Attualmente occupa la posizione di postdoctoral fellow presso il laboratorio di Dennis Kasper alla Harvard Medical School, dove studia come i batteri intestinali influiscono sul sistema immunitario. Lavora anche presso il Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering, ad Harvard, dove ha sviluppato un modello informatico di intestino di ratto per studiare le infezioni intestinali.

Nel 2018 è stata selezionata dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) come DARPA Riser, ovvero un giovane scienziato estremamente promettente, e partecipato al 60° anniversario del DARPA. Nel suo tempo libero, adora l’escursionismo, il campeggio e lo sci nordico che pratica con suo marito e suo figlio di 3 anni.
ISCRIVITI ORA