Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Voglio un cane! Come orientarsi sui cuccioli da adottare

Voglio un cane!

È deciso: la famiglia adotterà un cagnolino! Se la scelta è ricaduta su di un cucciolo, che si tratti di un piccolo proveniente da un canile o di un esemplare preso da una cucciolata di razza, è bene fare con attenzione la propria scelta, ragionandoci su, prima di dire "sì, lo prendo!".  Il cane è un essere vivente, capace di provare emozioni forti e sincere: va cresciuto, accudito ed educato con grande affetto e responsabilità. Ecco perché diventa di fondamentale importanza saper coniugare la voglia di avere un cane  alle proprie disponibilità nel dedicargli tempo ed energie: l'affetto, seppur imprescindibile, non basta.

 

Come si sceglie un cucciolo?

Non sempre l'amore per una particolare razza canina, dato solo dalle sue sembianze fisiche, può funzionare.
È bene infatti capire da subito che tipo di carattere il cucciolo mostrerà una volta divenuto adulto.
È amante dei bambini, dei giochi, della compagnia? È un pigrissimo amico dei divani e dei tappeti? Adora correre liberamente negli spazi sterminati? Ama le coccole sulle gambe del suo padrone ed è un compagno perfetto per l'ora del tè?
Il personale del canile o dell'allevamento a cui ti rivolgerai, o qualche buon libro sull'argomento potranno aiutarti a capire se la conformazione della tua casa e della tua vita familiare combaciano perfettamente con le esigenze del cucciolo anche quando sarà adulto.

 

Taglia e temperamento

Una volta deciso che si desidera un cane, che il cane quindi è una scelta giusta per tutto il nucleo familiare e che tutti si impegneranno nell'accudirlo e curarlo, bisogna prendere in considerazione due fattori fondamentali: la taglia del cane e il suo temperamento.
Un esemplare di cane dalla taglia troppo grande potrebbe soffrire in un appartamento già affollato, meglio forse pensare ad altro. Non farti però ingannare perché molti cani di taglia piccola hanno uguale bisogno di spazi e mostrano di soffrire in luoghi angusti.
Per questo entra in gioco il seocondo fattore, il temperamento dell’animale: puoi rivolgerti a uno psicologo canino se hai dubbi, per capire per esempio se il cane che stai per mettere in casa è molto bisognoso di affetto (e magari i familiari restano tante ore fuori casa) o ancora se è particolarmente burrascoso nel rapporto con i piccoli, o se non ama la compagnia di tante persone in una casa in cui c'è un grosso via vai di amici e parenti.

 

L'arrivo a casa

Anche l'arrivo a casa non può essere lasciato al caso. Prepara con cura una piccola cesta dove sistemare il cucciolo, pensa a uno spazio tutto per lui dove possa sentirsi protetto e al riparo, informati subito sul tipo di alimentazione e prenota una visita dal veterinario.
Avverti i piccoli di fare attenzione e di prendersi cura con rispetto del nuovo arrivato, cercando di non spaventarlo con urla o assalti: sarà molto spaventato! Come ogni essere umano, l'arrivo in un nuovo luogo potrebbe intimorirlo ed è quindi sensato lasciare che possa girare liberamente per i vari locali e annusare... la sua nuova casa.

È proprio l'inizio di una nuova vita insieme: prova a scorrere le storie di rapporti "Inseparabili" tra cani e umani che raccontiamo sul sito Inseparabili e ti accorgerai di quanto possa essere profondo e magico questo nuovo legame.

 

Guida alla scelta della razza più adatta a te!

My dog is… Lista cani di piccola taglia più socievoli

Scopri altri articoli del Pet Magazine

Copyright 2011 - Nestlé Purina S.p.a. - P. IVA: 00777280157

Purina TI RISPONDE