Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Pulito, sano e... al riparo dalle allergie

Piccole accortezze per la pulizia del nostro cane. Per mantenerlo sano e combattere le allergie più comuni di primavera.

Quanto movimento e quanti luoghi diversi nelle attività del cane, ora che la primavera è sbocciata: ai parchi, a passeggio in città, in gita in montagna o al mare... Al ritorno in appartamento avrà bisogno di qualche piccola accortezza legata alla sua igiene personale, soprattutto in questa stagione, quando esplodono i profumi e i colori dei fiori, anche i cani possono presentare i sintomi delle allergie più comuni tra gli uomini, riconoscibili in un suo eventuale prurito o variazioni del respiro.

Consigli per la pulizia del cane

Quali sono le parti del cane che tendono a sporcarsi di più? Le zampe, il muso, i denti, gli occhi e il pelo andrebbero controllati quotidianamente, mentre orecchie, unghie e il bagnetto hanno tempi più lunghi e diradati. In generale, vale il consiglio di agire con delicatezza. L'igiene personale è soprattutto un piacere per il cane e, se accompagnata da due coccole, diventa anche divertente!

Per ripulire le zampe sporche del cane, vanno benissimo le salviette umidificate; per i denti, meglio controllare ogni giorno gengive e dentatura e usare garze sterili, utili anche per gli occhi, dove potrebbero accumularsi le impurità raccolte nel corso delle uscite all'aperto in queste prime giornate calde.

La cura del pelo è un vero piacere per i cani, soprattutto dopo una bella corsa sui prati: una bella pettinata funziona proprio come un massaggio rigenerante. Un paio di volte al mese è meglio dedicarsi alla pulizia delle orecchie e provvedere al taglio delle unghie. Almeno una volta al mese o poco più arriva poi il momento del bagno, una festa di schizzi e di scodinzolate. Puoi decidere di farlo in casa, in giardino oppure di rivolgerti a un negozio specializzato. E ora che le giornate sono più calde, è una ottima occasione, se il meteo lo consente, per asciugarsi all'aria aperta.

Punture di insetti e allergie del cane 

A contatto con terreno e natura e con l'arietta frizzante di primavera, anche il cane può incorrere nelle tipiche allergie di stagione. La più comune è quella ai pollini, che in primavera ed estate compaiono nell'aria: si riconoscono perché, oltre a eventuali starnuti e sintomi respiratori, creano irritazioni alla pelle provocando prurito al cane. Stare all'aria aperta porta anche a contatti con amici poco desiderati: insetti come api, vespe, acari e pulci, che possono pizzicare l'animale. Causa di irritazioni cutanee è anche la processionaria del pino, insetto simile a un bruco che al passaggio rilascia una sostanza urticante per il cane. Restano poi le allergie più comuni e senza stagione, come quelle intestinali, spesso dovute a un'alimentazione errata. Sono però alquanto semplici da isolare, perché provocano evidenti problemi allo stomaco.

In ogni caso, è sempre meglio recarsi dal veterinario che saprà consigliare come comportarsi.

Copyright 2011 - Nestlé Purina S.p.a. - P. IVA: 00777280157

Purina TI RISPONDE