Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Che cosa fare se si trova una cucciolata di micini

Con la primavera sono arrivati anche i primi frutti degli incontri amorosi dei felini senza padrone e non. Cosa bisogna fare se ci si imbatte in una cucciolata senza balia? Che mamma gatta sia presente o meno, ecco tutti i consigli per gestire al meglio la situazione.


Probabilmente una volta nella vita è capitato anche a te: una passeggiata nei prati o in città in un tiepido pomeriggio di primavera e a un certo punto la tua attenzione viene catturata da un suono familiare... gattini che miagolano! Un rapido sguardo intorno ed ecco che ti si svela una cucciolata di micini minuscoli, belli e tenerissimi. Questo è uno dei periodi dell’anno in cui è più probabile ritrovarsi in una situazione del genere: i primi amori felini hanno dato i loro frutti e poiché le gatte neomamme se vivono all’aperto cercano di arrangiarsi come possono, può accadere che i piccolini restino soli per qualche ora. Che cosa è bene fare in questi casi?
 

Mamma sì, mamma no

Nonostante la prima cosa che di sicuro ti verrebbe in mente di fare è raccogliere i micini e portarli a casa con te, ciò che è giusto fare è piuttosto fermarsi e tentare di capire se i piccolini sono da soli oppure se la mamma è nei dintorni.
Chiaramente il contesto aiuta a inquadrare la situazione: saprai renderti conto se si tratta di una cucciolata abbandonata da un umano o se ti sei imbattuto in una tana in cui una mamma ha portato i micini.
Nel dubbio, temporeggia e tieni la situazione sotto controllo per qualche ora: se i gattini sono molto piccoli la mamma non li lascerà da soli troppo a lungo, e comunque prima deve farsi viva. In tutti i casi, tieni a mente che la scelta migliore è quella di non sottrarre i cuccioli alla madre nel tentativo di aiutarli. Sii paziente, dunque, e adoperati per fare la cosa giusta in ogni eventualità.
 

Check-up veterinario

Hai atteso a lungo e appurato che la mamma non c'è e quindi hai raccolto i cuccioli e ti stai chiedendo qual è il prossimo passo da fare? Bene, una buona idea è senz'altro quella di portare i micini dal veterinario, così che ne possa valutare l'età e lo stato di salute, fornendoti poi tutte le indicazioni che ti consentiranno di prenderti cura di loro al meglio.
Ti darà quindi le istruzioni per effettuare la sverminazione, poiché è normale che i gattini abbiano i parassiti intestinali, ti spiegherà come procedere per la vaccinazione, regolandosi in base all’età dei piccoli, e infine ti fornirà anche delucidazioni sugli antiparassitari e sul loro utilizzo, casomai i tuoi nuovi piccoli amici ne abbiano bisogno. Hai deciso di accoglierli in casa, quindi sarai la loro balia per un po' e dovrai sostituirti il più possibile a mamma gatta


Caldo, pappa e pulizia

Se i micini sono molto piccoli (ossia se hanno meno di tre settimane di vita) devi tenerli al calduccio, perché questo è quello che la mamma farebbe. A questo scopo è ottima una borsa dell'acqua calda, facendo attenzione alla temperatura: quella ideale per i piccolini è di 38 gradi. Quelli più grandicelli hanno chiaramente maggiore autonomia e il tuo compito sarà più semplice e un po’ meno impegnativo.
 
Dovrai ovviamente nutrirli: anche in questo caso, alimentare i piccoli gattini richiede più pazienza, dato che dovrai usare un piccolo biberon e l’apposito latte in polvere e dare loro da mangiare con frequenza regolare, sia di giorno che di notte, esattamente come si fa con i cuccioli d’uomo. Per i mici più cresciuti potrai utilizzare le pappe specifiche per gattini e via via tutti gli alimenti dedicati ai felini domestici giovanissimi.
 
Non ultimo, sarà tuo compito anche quello di prenderti cura della loro igiene: pratica dei massaggini delicati sul pancino per favorire una regolare funzionalità intestinale, e preoccupati di ripulirli delicatamente con delle salviettine morbide ogni volta che faranno i propri bisogni. Stessa attenzione anche per gli occhi e per le orecchie: un batuffolo di cotone inumidito con acqua tiepida sopperirà egregiamente alle leccatine premurose con cui mamma gatta fa il bagnetto ai suoi piccolini.
 

Gioco, nanna e tante coccole

I micini devono riposare tranquilli, non devi svegliarli quando dormono, a meno che non siano piccolissimi e siano passate troppe ore dal loro ultimo pasto. Per cui, anche se avrai sempre voglia di giocare con loro o di strapazzarli di coccole, cerca di rispettare il ciclo veglia-sonno, perché è molto importante per la loro crescita e il loro sviluppo. Tuttavia, quando è il momento del gioco e delle coccole non essere avaro e non ti risparmiare: goditi tranquillamente l’irresistibile follia di questi animali meravigliosi.
In generale, prendersi cura dei micini con poche settimane di vita è molto impegnativo ed è una cosa da fare con serietà. Ma una volta preso l’impegno sarai sicuramente ripagato dal loro amore e vederli crescere ti riempirà di gioia. 

 

Copyright 2011 - Nestlé Purina S.p.a. - P. IVA: 00777280157

Purina TI RISPONDE