Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

PURINA PRESENTA LA RELAZIONE INEDITA “SFATIAMO I MITI SULLA NUTRIZIONE DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA”

PURINA PRESENTA LA RELAZIONE INEDITA

Milano, 29 ottobre 2014 – Purina ha presentato oggi la Relazione “Sfatiamo i miti sulla nutrizione degli animali da compagnia”, patrocinata da ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani). Il documento scientifico raccoglie il contributo fondamentale di alcuni fra gli Specialisti, Ricercatori e Professori Universitari di Medicina Veterinaria più accreditati in Italia per rispondere in modo sempre più esaustivo a curiosità e dubbi dei proprietari di animali da compagnia in merito all’alimentazione dei loro pet.

Il petfood è migliore del cibo casalingo? E’ sicuro? E’ vero che contiene scarti e droghe? E’ vero che per produrre petfood si deve ricorrere alla vivisezione? Questi alcuni dei temi più controversi su cui si sono confrontati nel corso del tavola rotonda alcuni degli esperti che hanno contribuito alla Relazione: Dr. Marco Melosi, Presidente ANMVI, Prof. Pier Paolo Mussa, Università degli Studi di Torino, Prof.ssa Paola Dall’Ara, Università degli Studi di Milano, assieme al Dr. Mauro Ricci, Medico Veterinario esperto di nutrizione di Purina.

“Con questa Relazione intendiamo rispondere in modo esaustivo e scientifico a curiosità e dubbi dei proprietari di animali da compagnia sul tema della nutrizione dei pet.” – ha dichiarato Annalisa Franceschetti, Responsabile del canale veterinario Purina - “Il libro è inoltre un’occasione importante per raccontare come tutti noi di Purina lavoriamo ogni giorno con professionalità, passione e massimo rispetto per garantire a tutti i pet una nutrizione sicura, corretta e bilanciata, e anche per sviluppare servizi e iniziative che contribuiscano a renderli più sani, più felici e longevi.”

Di seguito alcuni dei miti sulla nutrizione dei pet che abbiamo contribuito a sfatare:

1. E’ vero che il cibo casalingo è migliore del petfood?
Falso. Cani e gatti hanno fabbisogni ed esigenze nutrizionali molto diversi rispetto a quelli umani, che variano significativamente fra l’altro in funzione dell’età, della taglia, del tipo di attività fisica. Rispondere in modo corretto a fabbisogni così vari con preparazioni casalinghe è molto difficile, in quanto richiede una conoscenza approfondita della loro fisiologia e il rispetto di ben 42 diversi parametri legati al contenuto di nutrienti. Noi di Purina offriamo alimenti in grado di garantire, con costanza, il corretto apporto calorico e nutrizionale, grazie a formulazioni pensate appunto per le diverse fasi di crescita, stili di vita e diverse taglie, senza contare le diete veterinarie per allergie o patologie.

2. E’ vero che il petfood è fatto con scarti e materie prime di scarsa qualità?
Falso. La normativa relativa alla produzione di petfood - che in Purina osserviamo con rigore - regolamenta severamente la qualità e la sicurezza delle materie prime e degli ingredienti utilizzati. Le materie prime di origine animale impiegate nella produzione di petfood, ad esempio, oltre ad essere sottoposte ad attenta verifica e certificazione, sono ottenute dalla macellazione di animali dichiarati idonei al consumo umano da parte del Servizio Veterinario Nazionale. Nel nostro stabilimento Purina di Portogruaro, ad esempio, effettuiamo 1.400 controlli di qualità giornalieri e utilizziamo carni di pollo provenienti da uno dei più importanti allevamenti italiani, che serve il mercato alimentare umano.

3. E’ vero che il petfood contiene additivi dannosi e droghe?
Falso. Il termine additivi indica in realtà gli integratori: fra questi vi sono ad esempio vitamine, oligoelementi e antiossidanti utili per garantire la completezza dell’alimento e una sua migliore conservazione. Perciò quando si legge “additivo” nella formulazione del petfood, non bisogna allarmarsi. L’uso di droghe è poi da escludersi: in Purina, utilizziamo solo ingredienti autorizzati dalla normativa e formuliamo i nostri alimenti perché siano appetibili a cani e gatti, che li apprezzano perché tarati sulle loro specifiche esigenze di gusto e nutrizionali.

4. E’ vero che la nutrizione influenza la durata media della vita dei pet?
Vero. Secondo gli esperti, 40 anni fa l’aspettativa di vita media di un cane era di 6 anni, mentre oggi è di circa 12 anni. Questo grazie ai progressi nella diagnostica e nella terapia medica e al miglioramento dell’alimentazione, attraverso la diffusione del petfood nutrizionalmente bilanciato e adatto alle diverse esigenze degli animali da compagnia. Oggi in Purina siamo in grado di offrire alimenti specifici con ingredienti definiti funzionali, che hanno effetti benefici sul cane e sul gatto e che sono spesso in grado di ridurre l’utilizzo del farmaco, o di agire in sinergia con esso, nella gestione di determinate patologie.

5. E’ vero che le etichette dei prodotti industriali non sono trasparenti?
Falso. Esiste una severa legislazione in materia di etichettatura del petfood, che noi di Purina osserviamo con rigore, che ne garantisce la qualità e la sicurezza e che fissa delle linee guida precise in merito alle modalità con cui le indicazioni su materie prime e ingredienti utilizzati devono essere riportate. Per questo non mettiamo in etichetta ciò che non c’è negli alimenti: ad esempio non utilizziamo l’immagine di un pomodoro fresco, se in realtà usiamo pomodoro essiccato. Siamo convinti che la trasparenza nei confronti dei proprietari dei pet sia un dovere dell’industria.

6. E’ vero che per valutare gusto ed efficacia del petfood occorre praticare vivisezione?
Falso. Per valutare l’efficacia del petfood sono sufficienti le routinarie indagini veterinarie non cruente - per esempio esami di feci ed urine - mentre la vivisezione non serve a nulla! In Purina amiamo e rispettiamo gli animali da compagnia, come i cani e i gatti che collaborano con noi ogni giorno ad esempio nel nostro Petcare Centre di Amiens (Francia). Per questo non effettuiamo né sosteniamo pratiche, invasive o non invasive, che possano causare a cani e gatti sofferenza, e non partecipiamo a nessun tipo di ricerca che richieda un’induzione di malattie, eutanasia o vivisezione.

Questa iniziativa testimonia ancora una volta l’impegno di Purina nel promuovere l’educazione alla corretta nutrizione, cura, conoscenza e rispetto degli animali da compagnia. Perché in Purina crediamo che quando gli animali da compagnia e le persone stanno insieme, la vita si arricchisce.

PURINA, l’azienda di riferimento del settore PetCare, è presente in tutti i segmenti del mercato con una gamma completa di alimenti e accessori per soddisfare le esigenze di alimentazione e benessere di cani, gatti, pesci, uccellini e roditori e offre servizi che contribuiscano a migliorare la relazione fra l’uomo e i pet. Si rivolge alla grande distribuzione (supermercati, ipermercati, negozi al dettaglio) e al canale specializzato (petshop, garden center, agrarie, brico, allevatori e veterinari) con un prestigioso portafoglio di brand: Gourmet, Friskies, Felix, Fido, accessori Friskies presenti in entrambi i canali; Purina ONE presente solo nella grande distribuzione e Pro Plan, Purina Veterinari Diets, Tonus, Encia e Professional Care in esclusiva per il canale specializzato. Purina fa parte del Gruppo Nestlé, che in Italia opera oggi con diverse realtà: Nestlé Italiana, Sanpellegrino, Nestlé Purina Petcare e Nespresso. Il Gruppo Nestlé è leader mondiale nel food & beverage con sede in più di 140 Paesi, e una gamma di oltre 10.000 prodotti frutto della tradizione e della più avanzata ricerca nutrizionale al mondo

 

 

CONTATTI

 

 

Annalaura Cantella

Purina                                                             

Tel. +39 028181 4704                                

[email protected]      

                                                        

Laura Piovesan

MSN Italia

Tel. +39 02 77 33 6288

[email protected]

                                                        

David Sevalié

MSN Italia

Tel. +39 02 77 33 6247

[email protected]

Copyright 2011 - Nestlé Purina S.p.a. - P. IVA: 00777280157

Purina TI RISPONDE